Giallo di Marcheno, passa dai computer di Bozzoli la caccia alle verità